Esclusivamente calcistico

Cittadella calcio: la storia

Dalla nascita fino all’ultimo campionato

Nonostante il suo anno di nascita possa considerarsi abbastanza recente (nacque nel 1973) in realtà le origini dell’AS Cittadella calcio sono ben più remote. Infatti l’AS Cittadella calcio, fondata nel 1973, è il risultato della fusione tra due squadre storiche, Cittadellese e l’Olimpia. Fu Angelo Gabrielli a dare vita a questa fusione storica tra le due squadre, anche se di certo i primi anni di vita non furono facili a causa delle divergenze di pensieri tra i rappresentanti delle due squadre. Chiaramente l’intento di Gabrielli era quello di dar vita a una squadra che potesse competere nei campionati superiori.

Da allora la nuova Cittadella disputò le partite allo storico stadio comunale “D’Alvise” con la nuova maglia color granata, perchè sia la Cittadellese che l’Olimpia indossarono per un breve periodo una maglia con questi colori. Il cammino della Cittadella nel campionato dei dilettanti cominciò in maniera ardua ma nel 1980 ottenne il loro primo successo della storia vincendo la Coppa Italia dei dilettanti. Da quel momento in poi è stato un viavai di successi e delusioni per la Cittadella, fino a quando non ottenne una storica promozione nella serie C2 nell’anno calcistico 1988/1989. E in questa categoria ci rimase per quasi 10 anni, fino a quando non ottenne un’altra storica promozione, questa volta nella serie C1, nel 1997/1998 grazie all’arrivo sulla panchina del nuovo allenatore Ezio Glerean. Grazie all’insolito schema 3-3-4, la Cittadella targata Glerean si guadagnò la nomea di “Cittadella dei miracoli“, incantando l’Italia nella serie C1.

Grazie ai risultati straordinari che conseguì nel campionato 1999/2000, la Cittadella riuscì ad arrivare al terzo posto, guadagnando così l’accesso ai playoff per la serie B. La Cittadella riuscì a passare i playoff e festeggiò così la storica promozione in sere B. Dopodichè, cambiò il suo nome in “Cittadella Padova” e andò a giocare allo stadio Euganeo, ma non portò molta fortuna. Infatti 2 anni dopo il team è retrocesso in serie C1. Tra alti e bassi, il Cittadella riuscì comunque a tornare nella serie cadetta nella stagione 2008/2009, stagione dove segna anche il ritorno allo storico stadio “Tombolato”.

Ora la Cittadella si appresta a disputare il suo 40° campionato nella serie B, sperando di coronare il sogno della promozione in serie A.



Lascia un Commento

*