Esclusivamente calcistico

Vittoria Roma: Luis Enrique entusiasta ma serve più continuità

La netta vittoria di domenica contro l’Inter risolleva il morale di una Roma che fin ora non ha certo brillato in quanto a risultati. 9 vittorie, 7 sconfitte e 4 pareggi sono i risultati fin qui ottenuti dalla formazione di Luis Enrique nel campionato di seria A: numeri non certo soddisfacenti per una squadra che vuole puntare in alto.

Eppure domenica all’Olimpico si è vista una squadra molto diversa rispetto alle prestazioni precedenti, tanto che qualcuno l’ha addirittura paragonata ad un “piccolo Barcellona” a sottolineare la schiacciante superiorità dei giallorossi. “Oggi è un giorno molto bello – ha commentato entusiasta l’allenatore Luis Enrique – perché questo risultato arriva dopo la brutta sconfitta con il Cagliari. La nostra squadra oggi in campo è stata superiore per tutti e novanta i minuti”.

Rispetto alla trasferta in Sardegna è stato fatto un passo avanti importante. Ma Luis Enrique rimane coi piedi per terra e sprona la squadra a giocare con continuità e costanza, elementi che fin ora sono mancati alla compagine giallorossa. Pur essendosi contraddistinta per le buone prestazioni, frutto in gran parte della visione calcistica dell’allenatore spagnolo che opta per un gioco spregiudicato ed offensivo, la stagione della Roma è infatti caratterizzata anche e soprattutto da risultati altalenanti.

Fino a domenica, ad esempio, la Roma non aveva mai vinto contro una squadra che fosse sopra di lei in classifica. Secondo Luis Enrique  la squadra presenta notevoli margini di crescita e l’allenatore spagnolo non sembra affatto intenzionato a modificare il proprio modus operandi: “So che il calcio che propongo è una scelta rischiosa, ma so anche che quando tutto va come deve andare regala grande spettacolo e permette alla squadra di fare grandi prestazioni contro squadre ricche di campioni come l’Inter.”

Su quali aspetti lavorare dunque? Reparto difensivo, possesso palla e soprattutto concentrazione costante, per permettere alla squadra di essere più concreta in modo da ottenere una certa continuità di risultati: “Ci manca regolarità, e senza non si vincono i campionati. Se non aggiungeremo subito un’altra grande prestazione, questa vittoria non sarà servita a nulla”.



Lascia un Commento