Esclusivamente calcistico

Manchester City: incognita Balotelli

“Why always me?”: questo il messaggio chiaro e decisamente poco velato scritto e mostrato sulla propria maglietta da parte dell’attaccante italiano del Manchester City Mario Balotelli durante una recente partita della Premier League inglese.

Perché sempre lui? Sicuramente perché Supermario è uno dei calciatori più discussi degli ultimi tempi, non solo in regime di calciomercato, ma anche per le sue gesta fuori dai campi di gioco; ultima tra queste l’abitudine di fumare 5-6 sigarette al giorno. 

Balotelli rappresenta senz’altro uno dei pezzi più pregiati di questa e delle prossime sessioni di calciomercato ed il suo carattere difficile porta sempre a pensare che da un momento all’altro possa cambiare squadra per volontà sua o per l’esaurimento della pazienza dei propri superiori chiamati a fronteggiare settimanalmente episodi a riguardo del calciatore.

Di recente sulla nota rivista inglese Sunday People, sono apparse alcune dichiarazioni proprio dell’attaccante che avrebbero spiazzato i numerosi tifosi del City: Balotelli avrebbe ammesso di essere in costante contatto con i club italiani di Milan ed Inter per un suo possibile ritorno nella massima serie italiana. A dirla tutta però, Supermario afferma che i tempi per un ritorno in patria non sono ancora maturi, rimandando ogni possibile discorso quantomeno al termine di questa stagione. 

Oltre a Milan ed Inter, sembrerebbe poter esserci anche il Napoli sulle tracce del bad boys, un feeling che sembra essere ricambiato. Balotelli si è sempre espresso in favore del capoluogo campano e sulla possibilità di approdare in maglia azzurra un giorno.



Calde anche le piste che potrebbero portare il giocatore verso la Liga, le cui grandi squadre solleticano il suo interesse. Difficilmente però Real Madrid e Barcellona si faranno avanti per acquistare il suo cartellino a causa delle rose estremamente folte e competitive. 

A sostegno della difficile ipotesi di trasferimento, arrivano anche le parole del procuratore dell’attaccante Mino Raiola, espressosi sull’eventuale costo del cartellino e sull’onerosissima clausola rescissoria che dovrebbe permettere al giocatore di terminare il proprio contratto con i Citizens la cui fine è prevista nel 2015.



Certo è che le società italiane menzionate poc’anzi continueranno a tenere d’occhio le imprese d’oltre manica di Mario Balotelli in attesa di sviluppi futuri. L’Inter, per bocca del proprio patron Massimo Moratti, non fa mistero circa la voglia di rivederlo con indosso la maglia nerazzurra (a patto che non la getti più per terra come avvenuto nella semifinale di Champion’s League contro il Barcellona a San Siro). Il Napoli potrebbe puntare forte su di lui qualora il presidente Aurelio De Laurentis ceda alle lusinghe delle big inglesi per Cavani, Hamsik o Lavezzi. Infine il Milan, che in questi giorni sta vagliando l’ipotesi di cedere l’attaccante brasiliano Alexadre Pato ai francesi del Psg per una cifra vicina ai 50 milioni, potrebbe sferrare la decisiva offensiva economica per acquistare un calciatore stimato da tutti nell’ambiente rossonero ed estremamente funzionale al progetto di gioco del mister Massimiliano Allegri, indipendentemente dall’arrivo o meno, sempre dal Manchester City, dell’Apache argentino Carlos Tevez.



Lascia un Commento

*